Sicurezza trasporto pubblico

Virus protection in public transportation

In questi mesi di doloroso e forzato isolamento abbiamo tutti notato il drastico calo dell’inquinamento, siamo usciti (rigorosamente con guanti e mascherina) in macchina per fare la spesa ed abbiamo percorso strade deserte durante i nostri percorsi verso i supermercati.

Il cielo è più blu, i valori di PM10 sono drasticamente scesi e ci troviamo di fronte ad una nuova sfida: evitare di ripetere gli errori del passato e tornare a scommettere nel trasporto pubblico.

ll rischio infatti è che le misure di sicurezza ci riportino all’uso compulsivo dell’auto privata sull’errato postulato che il trasporto individuale ci esponga a minori rischi rispetto ai mezzi pubblici. Questo meccanismo va certamente scardinato.

Il settore del TPL uscirà profondamente trasformato da questa crisi Covid19; le politiche pubbliche e le scelte aziendali si stanno velocemente adeguando alla nuova situazione.

La sfida consiste nel RIDARE FIDUCIA AI CITTADINI RISPETTO ALLA VIGILANZA SANITARIA SU BUS, TRAM E METRO, E QUESTO E’ NON SOLO POSSIBILE MA E’ UN TEMA GIA’ ATTUALE GRAZIE ALLA TECNOLOGIA.

TAPMYLIFE, grazie alla consolidata esperienza nella localizzazione, nel tracking e nell’efficientamento dei processi all’interno delle strutture sanitarie, ha sviluppato un SISTEMA INNOVATIVO ANCHE PER I TRASPORTI con sistemi di visione automatica e intelligenza artificiale.

L’Azienda di Trasporto può monitorare in tempo reale temperatura corporea, spostamenti, presenza, livelli di affollamento, utilizzo dei dispositivi di prevenzione (DPI e maschere) e l’accesso ad aree riservate e garantire la massima SICUREZZA sui suoi mezzi.

Questo sistema consente di rilevare il SOVRAFFOLLAMENTO andando a definire la capienza di ogni spazio disponibile (mezzi di trasporto ma anche banchine, hall, aree comuni, mense aziendale) ricevendo un allarme qualora il numero massimo di persone venga raggiunto.

La soluzione, opportunamente integrata anche con i sistemi di gestione delle attese, permette di mantenere i criteri di sicurezza previsti dalle più severe normative in tema di sicurezza con un controllo automatico, economico ed efficiente.

La gestione dinamica delle aree permette anche di indicare gli orari di accesso al pubblico per verificare eventuali presenze non consentite durante gli orari di chiusura.

I dati vengono storicizzati nel pieno rispetto della privacy creando una base statistica di analisi dei flussi di accesso in un’ottica di prevenzione ed efficace monitoraggio “live” per la migliore gestione delle linee.